Russell Crowe, notizie in lingua italiana

Russell Crowe

Russell Crowe, notizie in lingua italiana

 

Russell Crowe - Le News di febbraio 2007

25/02/2007

- il 21 febbraio 2007 questo sito ha compiuto 6 anni di vita :)

16th of February 2007. Sydney, Australia, Russell Crowe, Danielle Spencer Crowe their son Charles Crowe and Danielle's mother enjoy an afternoon at Cook and Philip Park aggiunte alcune foto recenti alla pagina della biografia per immagini;

 

 

 

il sito dedicato ai video di Russell di Darrinleeh ha traslocato. Ora si chiama Constant Crowe. Ci troverete anche il video dell'intervista fatta da Nicole Kidman a Russell;

- su Russellcrowefan trovate le scansioni le scansioni dell'articolo da Empire Magazine e alcune buone caps dal video dell'intervista;

- foto (piccole) di Russell alla partita, 24/02/2007. Grazie Ivani!

aggiunto un nuovo sito affiliato, Shane West Italia, dedicato all'attore che dal 2004 interpreta il ruolo del Dr. Ray Barnett nella serie E.R.;

14/02/2007

- volate a e godetevi le pagine di San Valentino!

- da sentieriselvaggi.it: L’Italia e l’indipendenza Americana (13/02/2007)

Il nostro mercato accoglie bene il cinema indie statunitense

Il 2006 ha fatto registrare un buon successo in Italia per il cinema indipendente americano. I dati sono stati resi noti dal "Giornale dello Spettacolo": il miglior risultato è stato, senza dubbio, quello di Un’ottima annata di Ridley Scott. Il film, con Russell Crowe protagonista, è stato distribuito sul mercato italiano da Medusa e ha incassato circa sei milioni di euro, cifra che appare ancor più ragguardevole se si considera che negli Stati Uniti il film si è attestato sui 7,5 milioni di dollari (circa 5 milioni e mezzo di euro). Il guadagno di Un’ottima annata in Italia ha inciso, quindi, per circa il 20% sull’incasso a livello mondiale.[...]

13/02/2007

- dal corriere.it: A Crowe non piacciono le cheerleader 10 febbraio 2007

L'attore australiano è comproprietario di una squadra di rugby 

«Distraggono dal gioco e causano disagio agli spettatori». Le ragazze sostituite da una squadra di percussionisti ambosessi 

SYDNEY - L'attore Russell Crowe ha deciso di abolire le cheerleader dalla squadra di rugby di cui è comproprietario (i Rabbitohs di Sydney) in quanto «distraggono dal gioco e causano disagio agli spettatori». Le succinte ragazze che allietano gli spettatori maschi tra una pausa e l'altra saranno quindi sostituite da una squadra di percussionisti ambosessi. Crowe ha aiutato a salvare il club (uno dei più vecchi del rugby australiano) dal fallimento comprandone una grossa quota nel 2006. L'attore ha detto che la moglie Danielle e molti tifosi hanno espresso il timore che le cheerleader siano «un intrattenimento improprio». 

DISAGIO - «Creano disagio alle donne e anche agli uomini che portano i figli a vedere la partita», ha detto Crowe, australiano di origine neozelandese. Ha aggiunto che alla moglie piace l'idea della squadra mista di percussionisti. «Vogliamo avvicinare le donne al rugby, che abbiano un'esperienza positiva». Le cheerleader respingono l'accusa di causare disagio. «Siamo state assunte dal club come danzatrici professioniste e il nostro ruolo era semplicemente di contribuire all'immagine della squadra», ha detto la caposquadra Ashleigh Francis. «I bambini alle partite ci avvicinavano sempre per chiederci autografi e foto, e le bambine ci chiedevano se erano grandi abbastanza per fare come noi». (Grazie Maddalena!)

**********

- da City del 12/02/2007 

Russel Crowe boccia la ragazze pon pon della sua squadra: "Mettevano a disagio mia moglie"

Sidney Niente più ragazze pon pon alle partite della squadra di rugby di Russell Crowe, il South Sydney Rabbitohs. Erano troppo succinte. La decisione è stata presa dall'attore dopo che molte spettatrici, ma anche spettatori, si erano lamentati per il microscopico costume indossato dalle cheerleaders. Così Crowe, che lo scorso anno aveva salvato l'antico club dal fallimento acquistandone una quota di azioni, le ha sostituite con una banda di percussionisti composta da uomini e donne (vestiti). "Mettevano a disagio le donne e anche chi portava alla partita i figli", ha spiegato. Ma soprattuto la moglie dell'attrice, Spencer. "L'idea è stata sua", ha detto Crowe. "Le piace il fatto che adesso gli spettatori siano intrattenuti sia da maschi che da femmine". Reuters (Grazie Maddalena!)

- grazie a Ivani e VSecin, su RCAV c'e' un video riguardante l'accordo dei Rabbitohs con la Virgin e la storia delle ragazze pon-pon;

aggiunto un nuovo sito affiliato, Kristin Kreuk Italia, dedicato all'attrice che impersona Lana Lang nella serie Smallville;

10/02/2007

- da tgcom.mediaset.it: Pon-pon sexy, Crowe le licenzia

Turbano fan della sua squadra di rugby

Troppo eccitanti per pubblico e giocatori, ecco perché Russel Crowe ha licenziato le ragazze pon-pon della sua squadra di rugby di Sydney. Una decisione dietro alla quale potrebbe esserci lo zampino della moglie Danielle Spencer che, insieme con altri fan, si era lamentata. Sfoggiando abiti succinti, le ragazze mettevano "a disagio le donne e anche chi portava alla partita i figli", ha detto Crowe.

Crowe, che è co-proprietario della South Sydney Rabbitohs, una delle squadre di rugby più antiche d'Australia, sostituirà le ragazze pon pon questa stagione con una banda di
percussionisti composta da uomini e donne.

Una ricerca, ha detto Crowe, ha mostrato come i sostenitori della squadra fossero a disagio quando allo stadio dovevano assistere allo spettacolo delle ragazze pon pon in abiti "di scena" troppo succinti.

E' quasi superfluo dire che la moglie di Crowe ha apprezzato molto l'idea del marito: la banda è quello che ci voleva per ottenere massimo risultato dagli uomini in campo e altrettanta soddisfazione da parte del gentil sesso in tribuna.

"Le piace il fatto che il divertimento durante la partita possa essere frutto di (un'esibizione) sia di maschi che di femmine", ha spiegato l'attore di "Il gladiatore". Quanto alle ragazze pon-pon, una di loro, Ashleigh Francis, si è giustificata spiegando che assieme alle compagne ha soltanto cercato di aggiungere un pizzico di glamour alle partite dei Rabbitohs. Evidentemente, troppo glamour per Russel e consorte. (Grazie Maddalena e Erica!)

- da kataweb.it: Crowe elimina le ragazza pon pon dalla squadra di rugby 09-02-2007

Russell Crowe sembra ormai diventato un marito e papà tranquillo tanto da essere diventato anche un po' moralizzatore. Ha eliminato dalla squadra di rugby league, di cui è comproprietario, le cheerleaders, le succinte ragazze pon pon perché "distraggono dal gioco e causano disagio agli spettatori".

In questa stagione del club Rabbitohs di Sydney, le fanciulle saranno sostituite da una squadra di percussionisti dei due sessi, a cui passerà il compito di spronare i tifosi.

"Creano disagio alle donne e anche agli uomini che portano i figli a vedere la partita", ha detto Crowe nell'annunciare la decisione. Ha aggiunto che alla moglie Danielle piace l'idea della squadra mista di percussionisti.

Protestano naturalmente le cheerleaders, che respingono l'accusa di causare disagio. "Siamo state assunte dal club come danzatrici professioniste e il nostro ruolo era semplicemente di aggiungere glamour all immagine del rugby league", ha detto la caposquadra ora disoccupata, Ashleigh Francis.

il video delle cheerleader licenziate;

le foto delle ragazze pon-pon;

stessa notizia da corriere.it; ilrestodelcarlino; reuters.it  

Russell Crowe e Peter Holmes a Court hanno firmato un accordo per una sponsorizzazione tra il club di rugby South Sydney Rabbitohs di cui sono  coproprietari e la linea aerea locale Virgin Blue, a Sydney, 8 febbraio 2007 aggiunte le foto dell'accordo tra i South Sydney Rabbitohs  e la linea aerea locale Virgin Blue. Grazie Ivani!

 

 

 

- da smh.com.au 

Holmes a Court feeling heat at Rabbitohs

February 8, 2007 - 5:19PM

South Sydney boss Peter Holmes a Court admits the pressure is getting to him as the countdown begins for the Rabbitohs to turn the off-field hype into on-field success.
Souths will begin the 2007 NRL season next month with unprecedented expectations for a wooden-spooner following Holmes a Court and Hollywood star Russell Crowe's takeover of the club last year.
Since then, the new owners have signed five high profile stars, given boxer Anthony Mundine a gig in the local Aboriginal community, lured former Australian cricket physio Errol Alcott to the club and reeled in the sponsorship dollars.
"Am I feeling the pressure? Yeah, I think I am," Holmes a Court said at the announcement of the club's latest off-field coup, a seven-figure deal with airline Virgin Blue.
"Absolutely we're feeling the pressure but it's a positive sort of pressure, it's a positive energy, everyone's got a spring in their step, everyone's working really hard."
It's the players and new coach Jason Taylor who will find themselves under the pump when the Rabbitohs kick off their season on March 19 against a Roosters side who also have a point to prove after a woeful 2006.
"That's for them (the players) to manage expectations, that's for them to respond appropriately," Holmes a Court said.
"There's always pressure on you when you're in professional sport and I'm sure that they're grown up enough to handle it.
"They know what their job is. Their job is to play great football."
Asked if he was prepared to wear another wooden spoon, the executive chairman said: "I'd never thought about that prospect before."
There were few signs of pressure from Crowe, who bounced into the press conference in a blue suit and headed straight to the back of the room to greet players Roy Asotasi, Nathan Merritt and Scott Geddes - in front of a mass of photographers.
He disappeared soon after without speaking to the media.
High profile signing Asotasi said the players were aiming to be competitive by round one through trials against Cronulla and St George Illawarra.
"The club's moving places off the field but our main concern at the moment as players is to hopefully get things moving real quick when the NRL season comes around," Asotasi said.
"We're concentrating on the trials at the moment and seeing what combinations work and what don't and we definitely want to be ready by round one and we just want to be competitive.
"JT's (Taylor's) really trying to get us to the structure that he wants us to play.
"That's the main reason why we're trying to concentrate on the trials and hopefully get things right and be ready by round one."
Back off the field, Holmes a Court said success in 2007 would be measured by one thing.
"It's crowd numbers," he said.
"We've got to get crowd numbers, we've got to get membership, we've got to get sales up in every part of our organisation." (Grazie Ivani!)

- da leggo.it: Robin Hood? Era lui il cattivo - Il buono era lo sceriffo-Crowe (07/02/2007)

Un film con la star australiana cambia la leggenda
Hollywood prepara un nuovo film in cui lo sceriffo Russell Crowe diventerà buono
Robin Hood ha rubato anche la verità 

di Michele Galvani

Se James Bond diventa biondo e Rocky Balboa torna sul ring a 60 anni, allora nessuno si meravigli se Hollywood ha deciso di trasformare Robin Hood in cattivo e lo sceriffo di Nottingham in buono. Secondo Variety, la bibbia americana dello spettacolo che è sempre molto attendibile, la Universal Pictures ha in cantiere per la fine dell’anno Nottingham, il film in cui verrà stravolta una delle poche certezze rimaste a chi ama le storie tradizionali e la leggenda.
Russell Crowe, a cui sarebbero stati offerti 20 milioni di dollari, è il candidato numero uno per la parte dello sceriffo, che sarà addirittura rivale dell’eroe di Sherwood per l’amore di Lady Marian. Insomma, il canovaccio finirà sottosopra, con Hood tutt’altro che virtuoso e dalla parte dei poveri e lo sceriffo con un animo gentile e con coraggio da vendere. E’ come se Fausto Bertinotti diventasse di destra o Babbo Natale vivesse in Sud Africa, o si scoprisse che il diavolo è il bene e gli angeli il male. Non è certo la prima volta che la mecca del cinema decide di mettere mano a sceneggiature di ferro per rendere imprevedibili sequel altrimenti banali. Stavolta ci penserà il produttore Brian Grazer, colui che sborsa i dollaroni, con l’ausilio degli script di Ethan Reiff e Cyrus Voris (già creatori della serie tv Usa Sleeper Cell) a partorire questo storione inedito. «Robin sarà comunque un eroe - ha spiegato Reiff - ma stavolta non nel modo in cui tutti se lo immaginano». E il collega Voris gli ha fatto eco: «La storia sarà più amara e sarà anche un buon antitodo a ciò che è scontato».
Al momento comunque, la vera sorpresa è per lo spettatore: ad oggi, immaginarsi l’ex Gladiatore nei panni dello sceriffo di Nottingham e non magari in quelli del buon Robin Hood, è un mezzo shock. Mettere in discussione la “sua verità” equivale a rubarla. Ci manca solo che Robin si metta a rubare la minestra ai poveri per darla ricchi. E la frittata sarebbe completa. Sempre che Hollywood non rubi anche le metafore. (Grazie Maddalena!)

ho aggiunto un nuovo sito affiliato, Grey's Anatomy Italia, dedicato all'omonima serie in onda su Italia Uno;

06/02/2007

RussellCrowe_AGY_109.jpg (250391 byte) aggiunte altre foto alla pagina del film 'Un'Ottima Annata';

 

 

 

ho aggiunto un nuovo sito affiliato, Heroes Italia, dedicato alla nuova serie Heroes;

05/02/2007

- da ansa.it: POLANSKI GIRERA' KOLOSSAL SU POMPEI 2007-02-04

LONDRA - L'apocalittica eruzione del Vesuvio che nel 79 Avanti Cristo distrusse Pompei rivivra' alla grande in un film di Roman Polanski. Le riprese incominceranno l'estate prossima in Italia.
La pellicola si basera' su "Pompei", un best-seller di Robert Harris che sta adesso scrivendo la sceneggiatura. Lo ha annunciato a Londra la casa editrice Random House. "In generale - ha dichiarato Polanski - quando mi chiedono di girare un film in costume sui tempi antichi rispondo che non e' la mia tazza di te'. Ma qui si tratta di un thriller e mi piacciono molto i libri di Harris. Li ho letti tutti. 'Pompei' sara' un film molto basato sugli effetti speciali. E' sempre una sfida fare qualcosa di nuovo e di diverso".
Il best-seller dello scrittore inglese e' uscito nel 2003 ed e' incentrato sulla figura di Marco Attilio, un giovane ingegnere mandato a Pompei per riparare il piu' grande acquedotto dell'impero romano che serviva circa 250.000 persone nella baia di Napoli. Marco Attilio si trova a lottare con le forze corrotte che controllano Pompei e poi con la forza sconvolgente della natura. Invano allerta le autorita' sull'imminente eruzione. Per la parte del protagonista sara' ingaggiata "una star di Hollywood", per ora senza nome. A Robert Harris piacerebbe che il ruolo andasse al 'gladiatore' Russell Crowe, gia' impegnato pero' la prossima estate con una nuova versione di Robin Hood.
Il kolossal, parzialmente prodotto dallo stesso Polanski - che ha 73 anni, vive a Parigi e si guarda bene dal mettere piede negli Stati Uniti dove e' stato condannato per stupro - costera' piu' di 130 milioni di dollari. A detta del domenicale 'Sunday Times', che parla di 200 milioni di dollari, si tratterra' del "piu' costoso film mai girato in Europa".

**********

- da tgcom.mediaset.it: Polanski, un kolossal su Pompei

Le riprese inizieranno in estate

Roman Polanski ha scelto l'Italia per il suo prossimo film, un kolossal sull'apocalittica eruzione del Vesuvio che nel 79 Avanti Cristo distrusse Pompei. Le riprese incominceranno l'estate prossima nel nostro Paese. La pellicola si baserà su "Pompei", un best-seller datato 2003, di Robert Harris che sta adesso scrivendo la sceneggiatura del film. Lo ha annunciato a Londra la casa editrice Random House. 

"In generale - ha dichiarato Polanski - quando mi chiedono di girare un film in costume sui tempi antichi rispondo che non è la mia tazza di tè. Ma qui si tratta di un thriller e mi piacciono molto i libri di Harris. Li ho letti tutti. Pompei sarà un film molto basato sugli effetti speciali. E' sempre una sfida fare qualcosa di nuovo e di diverso". Il best-seller dello scrittore inglese è uscito nel 2003 ed è incentrato sulla figura di Marco Attilio, un giovane ingegnere mandato a Pompei per riparare il più grande acquedotto dell'impero romano che serviva circa 250.000 persone nella baia di Napoli. Marco Attilio si trova a lottare con le forze corrotte che controllano Pompei e poi con la forza sconvolgente della natura. Invano allerta le autorita' sull'imminente eruzione. Per la parte del protagonista sara' ingaggiata "una star di Hollywood", per ora senza nome. 

A Robert Harris piacerebbe che il ruolo andasse al gladiatore Russell Crowe, già impegnato però la prossima estate con una nuova versione di Robin Hood. Il kolossal, parzialmente prodotto dallo stesso Polanski - che ha 73 anni, vive a Parigi e si guarda bene dal mettere piede negli Stati Uniti dove è stato condannato per stupro - costerà più di 130 milioni di dollari. A detta del domenicale 'Sunday Times', che parla di 200 màni di dollari, si tratterrà del "più costoso film mai girato in Europa". (Grazie Maddalena!)

- da 35mm.it: Russell Crowe nei panni dello sceriffo di Nottingham (02-02-2007)

Russell Crowe continua a stupire per talento, versatilità e voglia di rinnovarsi continuamente. 
Dopo la sua bella interpretazione dello spietato (e poi redento) uomo d'affari in "A Good Year- Un'ottima annata", lo ritroveremo nel giro di poco nei panni dello sceriffo di Nottingham ,impersonato qualche anno fa dal grande Alan Rickman di "Robin Hood principe dei ladri" 
C'è un però: a quanto pare infatti stavolta le carte in tavole cambieranno. Robin Hood infatti sarà il cattivo della vicenda, mentre lo sceriffo apparirà come uno stinco di santo...
La Universal Pictures ha annunciato che le riprese avranno inizio tra la fine del 2007 e l'inizio del 2008. (Grazie Maddalena!)

- da cinematografo.it: Indipendenti Usa, ok 05/02/2007

Incassi eccellenti per Un'ottima annata e Marie Antoinette. Grazie anche ai botteghini italiani 

Al pubblico italiano piace il cinema indipendente made in Usa. Da una recente analisi del Giornale dello Spettacolo, si evidenzia, infatti, che pellicole come Un'ottima annata di Ridley Scott o Marie Antoinette di Sofia Coppola registrano incassi molto importanti anche per gli incassi ai botteghini mondiali.
Basti pensare che il risultato sul mercato italiano della pellicola di Ridley Scott, sul box office mondiale, di circa 40.000.000 di dollari, ha inciso per circa il 20% del risultato globale. Situazione analoga per Marie Antoinette di Sofia Coppola che in Italia ha superato i due milioni e mezzo di euro, mentre negli Usa ha incassato quindici milioni di dollari. Al di là delle aspettitive anche il risultato di La mia Super ex ragazza, che, sul nostro mercato, ha conquistato i tre milioni e mezzo di euro. Se in America, la pellicola con Uma Thurman ha guadagnato ventidue milioni di dollari, incassandone altri trentasette nel resto del mondo, il risultato del film nei principali territori europei è stato nettamente inferiore a quello italiano in Francia (2.300.000 euro), Spagna (1.500.000 euro) e Germania (600.000) e appena superiore in Inghilterra (3.700.000 euro). 
"E' evidente – spiega Paolo Protti, presidente dell' Anec, associazione nazionale esercenti cinema - che ci sono dei film che, seppur prodotti negli Stati Uniti, hanno una maggiore presa sul pubblico europeo sia per i contenuti sia per l'ambientazione. Per spiegare il particolare successo italiano dobbiamo aggiungere un altro fattore: la data di uscita. Infatti sia Marie Antoinette, sia La mia super ex ragazza, sono usciti a novembre, ossia in un periodo in cui non c’era affollamento di prodotto, registrando così ottimi risultati". (Grazie Maddalena!)

ho aggiunto un nuovo affiliato, La Galassia della Borsa, sito/forum che tratta argomenti di Borsa e Investimento;

04/02/2007

RussellCrowe_AG_156.jpg (200161 byte) aggiunte foto alla pagina del film 'American Gangster';

 

 

 

- il blog di Carlotta ha traslocato, ora lo trovate qui ;

aggiunto un nuovo sito affiliato, Dr. House Italia, dedicato alla serie televisiva Dr. House Medical Division;

02/02/2007

RussellCrowe_3.10Yuma_031.jpg (37783 byte) aggiunte alcune foto alla pagina del film '3:10 to Yuma';

 

 

 

- da mtv.it: SCERIFFO RUSSELL CROWE 02/02/2007

Farà vedere i sorci verdi a quel cattivo Robin Hood

Revisionismo alé alé: le ultime indiscrezioni hollywoodiane dicono che Russell Crowe sarà protagonista di una nuova versione della leggenda di Robin Hood.
In questo caso, udite udite, il ladro sarà il cattivo, mentre lo sceriffo di Nottingham sarà il bravo ragazzo.

Secondo quanto spifferato da Variety, il film si intitola "Nottingham".
Al momento manca un regista, però c'è Russell Crowe nei panni del buon sceriffo, mentre la produzione è gestita da Brian Grazer per conto di Universal Pictures. Lui è un pezzo grosso, che insieme a Crowe ha lavorato in "A Beautiful Mind" e sta lavorando ad "American Gangster": dunque il progetto è molto solido.

La sceneggiatura è di Ethan Reiff e Cyrus Voris, che insieme hanno scritto "Il Cavaliere Del Male" e "Il Monaco". Si tratta di precedenti dignitosi ma non entusiasmanti, però è vero che intorno a "Nottingham" s'è scatenata una battaglia fra i maggiori studios di Hollywood e questo è un buon segno.
I contendenti erano infatti:

* New Line Cinema
* DreamWorks
* Bryan Singer per conto di Warner Bros.
* Sam Raimi per conto di Sony Pictures

Alla fine l'ha spuntata Universal Pictures, che ha previsto l'inizio delle riprese a cavallo tra la fine del 2007 e l'inizio del 2008.

01/02/2007

- da news.castlerock.it: Crowe sarà lo Sceriffo di Nottingham

L'attore sarà nel cast di un film scritto dagli ideatori della serie televisiva 'Sleeper Cell'.

Crowe sarà lo Sceriffo di Nottingham
La Universal Pictures ha acquistato i diritti di Nottingham, una sceneggiatura scritta dagli ideatori della serie televisiva Sleeper Cell, per realizzarne un film che sarà interpretato da Russell Crowe.

Il film sarà prodotto dalla Imagine Entertainment di Brian Grazer e le riprese probabilmente inizieranno verso la fine dell'anno o gli inizi del 2008. Al momento non è stato ancora deciso chi sarà il regista al quale affidare la pellicola.

**********

- da zapster.it: Russell Crowe sarà lo Sceriffo di Nottingham

A distanza di oltre quindici anni dall'ultimo film che l'ha visto scoccare frecce nella foresta di Nottingham, sta per tornare Robin Hood, l'eroe popolare inglese che rubava ai ricchi per dare ai poveri.

La notizia sta circolando in queste ore negli Stati Uniti: la Universal Pictures si è infatti aggiudicata i diritti esclusivi per portare sul grande schermo una versione "moderna" e particolare delle avventure del popolarissimo arciere.

Sembrerebbe che gli studios hollywoodiani vogliano "capovolgere" i ruoli da sempre appartenuti ai protagonisti della leggenda e far apparire il buon Robin un po' meno gentiluomo di come lo si è sempre dipinto e riabilitare invece il "cattivo" Sceriffo di Nottingham.

Per il ruolo di quest'ultimo, che sarà anche protagonista di un triangolo amoroso con Hood e la bella Marian Dubois, è già stato scritturato Russell Crowe: per l'attore neozelandese è pronto un cachet d'oro, pari ad oltre il 20% dell'intero budget stanziato per la pellicola.

Sceneggiatori del film saranno Ethan Reiff e Cyrus Voris, creatori della serie Tv americana "Sleeper Cell"; le riprese inizieranno entro la fine del 2007.


**********

- da skylife.it: Crowe, una star in calzamaglia 1 Febbraio, 2007

La Universal ha in cantiere un film su Robin Hood col gladiatore di Ridley Scott

L'inedito arciere di Sherwood - Russell Crowe sembra dover essere l'interprete principale del nuovo progetto della Universal: Nottingham. Di film su Robin Hood secondo alcuni ce ne sono pure troppi - dal classico di Curtiz con Erroll Flynn fino al film di Reynolds con Kevin Costner -, ma quella che la casa di produzione ha intenzione di mettere in scena è una versione del mito decisamente eccentrica rispetto alle solite caratterizzazioni. A sentire gli autori dello script Robin Hood sarebbe meno buono del solito e lo sceriffo di Nottingham, invece, meno cattivo di quanto siamo stati abituati a vederlo sullo schermo. Per i più giovani che ricordano lo sceriffo di Nottingham malvagio e satanista del film interpretato da Costner sarà un bello shock, comunque sia l'attualizzazione, la deviazione dal mito sembra trovare il favore del pubblico in quest'epoca di cinema post - post moderno.

La regia? - Il film è solo in fase di progettazione, ma i nomi dei registi che circolano nell'ambiente palesano la possibilità di vedere nei panni dell'uomo in calzamaglia (o dello sceriffo?) proprio il neozelandese Crowe. Si parla infatti di due "padrini" dell'attore: Ridley Scott, ancora impegnato con la post - produzione di American Gangster, sempre con Russell Crowe dopo Il gladiatore e Un'ottima annata, e Ron Howard, che gli ha fornito la possibilità della sua migliore interpretazione nel poco compreso Cinderella Man. Lo script della pellicola è affidato a Ethan Reiff e Cyrus Voris, la coppia di sceneggiatori della serie Sleeper Cell.

Russell permettendo - Sembra che la Universal si sia accaparrata la sceneggiatura di Nottingham dopo una sorta di guerra interna con altre case di produzione, in ogni caso per dar via al progetto c'è sempre da tenere conto del progetto di 3:10 To Yuma il "maledetto" remake di Mangold in cui Russell dovrebbe dividere lo schermo con Christian Bale.

**********

- da corriere.it: Cinema: Russel Crowe, sceriffo buono per il 'Robin Hood' della Universal 01 feb

LOS ANGELES - Russell Crowe avrebbe accettato il ruolo dello sceriffo di Nottingham, per una nuova versione della leggenda di Robin Hood pensata da due autori che lavorano per Universal Pictures. Lo scrive il sito di Hollywood Reporter. L'attore si sarebbe entusiasmato all'idea di interpretare uno sceriffo - previsto come personaggio positivo - in una storia in cui si indaga su una serie di omicidi di cui e' sospettato Robin Hood. La sceneggiatura "revisionista" prevederebbe anche un triangolo amoroso fra Robin Hood, Lady Marion e lo sceriffo stesso. Crowe dovrebbe ricevere almeno 20 milioni di dollari per la parte. (Agr)

- da www.35mm.it: La ricetta del successo di "A good year"? Eccola.. (30-01-2007)

Incasso davvero record per "Un'ottima annata" che ha raggiunto quota 5.320.346 milioni di euro, una cifra ancora non definitiva e solo di poco inferiore agli incassi ottenuti negli Stati Uniti. 
Un successo determinato in buona parte anche da un lancio e da una serie di iniziative di marketing che si sono rivelate molto efficaci, e che sono riuscite a sfruttare il periodo dello shopping natalizio per la promozione del film. 
Quattro, infatti, sono state le iniziative realizzate in collaborazione da Medusa Film e Quantum Marketing Italia per la promozione di "Un'ottima annata": dal 13 dicembre fino a Natale nei principali negozi di profumeria Golden Point (103 punti vendita) e Marionnaud (53 punti vendita) su tutto il territorio nazionale, ogni 25 euro di prodotti acquistati si poteva ricevere in omaggio un buono Hollywood Movie Money gratta e vinci che, nel caso di vincita, era valido per un ingresso omaggio per la visione del film. 
"Siamo particolarmente soddisfatti del risultato di questa operazione", dichiara Giovanni Cova presidente di Quantum Marketing Italia. "L'aver coinvolto delle catene distributive specializzate, in questo caso delle profumerie, i cui clienti sono un target perfettamente in linea con il film, ha permesso di aumentare la visibilità del lancio della pellicola anche in luoghi normalmente non deputati alla promozione. In ogni vetrina dei punti vendita era presente un'immagine di "Un'ottima annata" e ricevendo il gratta e vinci ogni cliente in pratica riceveva la locandina del film direttamente in mano, oltre, naturalmente, alla possibilità di vincere un ingresso omaggio". (Grazie Maddalena!)

 

Questo sito e' creato, mantenuto e gestito da Gloria (lampedusa). Se hai bisogno di contattarmi, scrivimi all'indirizzo croweitalia@gmail.com. Se hai delle informazioni da segnalarmi, contattami via email. Il sito e' online dal 21 febbraio 2001. Pagina creata il 30/03/2007