Russell Crowe, notizie in lingua italiana

Russell Crowe

Russell Crowe, notizie in lingua italiana

 

Russell Crowe - Le News di agosto 2005

31/08/2005

Russell Crowe e' 'Cinderella Man' su Ciak  n.8 - agosto 2005 ecco le scansioni da 'Ciak' n. 8, agosto 2005. (Grazie Daniela per le scansioni! ^__^)

 

 

 

- dal Corriere.it: Viaggio tra gli incubi del sogno americano (articolo sui film che saranno presentati a Venezia) (Grazie Daniela!)

- da Megacine.it: COMPRA IL GIORNALE "LA NAZIONE", POTRAI ENTRARE GRATIS ALL'ANTEPRIMA NAZIONALE (di Cinderella Man) DEL 5 SETTEMBRE (leggi il resto dell'articolo qui per informazioni. Grazie Daniela!)

- da rainews24.it: Speciale sulla mostra del Cinema di Venezia (Grazie VSecin!)

- articolo (in inglese) e video con clip dai film che saranno presentati a Venezia (Grazie VSecin!)

30/08/2005

- dal TGcom: Venezia, un party tira l'altro 30/8/2005

Al Lido feste sfarzose e originali

La Mostra del Cinema si conferma un'occasione per mondanità e party favolosi. Si comincia con il galà cinese, in smoking, per l'apertura della Mostra, tra fiori di loto, pollo alle mandorle e cuochi orientali per festeggiare "Seven Swords", il film di apertura di Tsui Hark, ambientato nella Cina del 17.o secolo. Quest'anno, però, gli invitati dovranno sottoporsi alle formalità di rito per le misure di sicurezza. [...]

[...] Lunedi' 5 settembre alla Terrazza Martini, cocktail esclusivo per "Cinderella man" con Russel Crowe e Rene' Zellweger [...]

- dal TGcom: Venezia apre le porte a Hollywood 30/8/2005

Saranno alte le misure di sicurezza

Prende il via mercoledì 31 agosto la Mostra del cinema di Venezia. Un'edizione caratterizzata da star del calibro di George Clooney, Russell Crowe, Gwyneth Paltrow e Renee Zellweger, da tanti film che parlano di donne, 4 film italiani in gara, 2 Leoni d'oro alla carriera (al giapponese Miyazaki e alla Sandrelli) e la questione delle misure di sicurezza, al centro dell'attenzione per il pericolo terrorismo. 

[...] Lunedi' 5 settembre ancora superstar con un evidente rischio 'sovraffollamento': Russell Crowe, Renee Zellweger e Paul Giamatti sono attesi al Lido assieme al regista Ron Howard per "Cinderella Man"; [...] (Grazie Maddalena!)

- da Trovacinema: Venezia, Armani e Dior stilisti delle star 30-08-2005

Le star della Mostra del cinema di Venezia hanno scelto abiti di Armani e Dior. George Clooney e Russell Crowe sfoggeranno abiti di Giorgio Armani così come Stefania Sandrelli, Margherita Buy, Maria Grazia Cucinotta e Alessio Boni. 
Dior vestirà Charlie Young, Kim So Yeun e Zhang Jingchu, le protagoniste di "Seven Swords" di Tsui Hark, pellicola che aprirà la rassegna veneziana. 

29/08/2005

!in edicola! Kelly segnala in messaggeria che c'è un articolo su Cinderella Man su FILM TV N° 34, mentre Maddalena segnala che su "Anna" n. 35 del 30 Agosto 2005 c'è un articolo (sugli attori rissosi di Hollywood) che tra l'altro parla anche, tanto per cambiare, di Russell. Se qualcuno mi potesse inviare le scansioni dei suddetti articoli gli sarei enormemente grata!

- da Espressoline, articolo su Cinderella Man, che troverete alla pagina della stampa n. 69

28/08/2005

- aggiornata la pagina di 'Cinderella Man';

- link da VSecin: Martha Stewart parla di Russell. Grazie Vania! :)

- Ivani dal Brasile (un nome ben conosciuto nel fandom di Russell) mi invia gentilmente la sua traduzione di un articolo apparso sul "Jornal de Brasília", 22 agosto, Brasile. Grazie Ivani! ^__^


A Plunge in the boxing and in the hope.

By Martin Palmer
Special for Jornal de Brasília

The character you play is very determined. Do you identify yourself with him? Actors need to be so committed?

My determination is the passion for what I do. I am in a very privileged situation – I work in a form of art very complicated and with people who know what they are doing. So, although in the last years I have been in a situation, which I wish because of my determination, there were moments in my life when I walked in the streets looking for a way of surviving. So, I experienced what is not having material goods, only a guitar. My determination, my passion is for the narrative and I believe it is a very important part of the culture. My goal is to affect people in a way that when they go to the moves, for a time at least, they forget all the things for which they are going through in their own lives and disappear in another age for a while.

Talk about James J. Braddock.

Jim Braddock had to make a decision even very young. Boxing was the best job to have at that time and he had the courage of doing this job. He was the best and the most determined. But I never saw Jim Braddock as a man who lived only for the boxing. The boxing, for him, was a way of going out of a situation and, then, he was after that. When he was young, he was in fact a boxer, not a ruffian, he was not a guy who had only a powerful punch. He developed that over the time. Because of certain injuries, he had to go on, go ahead and finished the fight as soon as possible. And he was well succeeded in this for a while. But, things began to not result well anymore. In 1929, he fought with a guy named Tommy Lochlan for the mid heavy weight championship, he had a boxing class in 15 rounds and this had affected his self-confidence and coincided with the Great Depression. Braddock was a very responsible young man and saved all his money. He did not waste and even not live out of his standards.

He loses money in the Stock Exchange?

Yes. He lost something everybody told him to do at that time, what it was of investing in shares/stocks. He invested 85% of what he had in that fateful day, in October 1929, and lost everything. The rest of his money was fastened in a cab company in Manhattan and, by the research we did, we know he needed more than 3 months to go out of, what it took him to the bankruptcy sometimes. Then, the period of time we show, in a fast changing of clothe to another, it’s already full of details and complications that could be, only by themselves, a movie. Suffice it to say, as we do in the movie, that things were bad. He did not keep the pain – he accepted it and tried to do the best for his family.

Australian boxer Kostya Tszyu was important to help you to portray the role? Did you ask him for advices?

Yes, I did. First, I attend to a Kostya´s training with Angelo Dundee and Angelo said: “Mate, you are going to see how it is”. And Kostya entered at the gym and the first thing he did to heat was jumping for 26 minutes – try to do this one day and you will see how it’s difficult. Right after, he did 20 minutes of climber, then he went to the sand bag for 30 minutes, and then to the underdog for more 30 minutes, following he did a series of exercises for 30 minutes, shadow boxing for 30 or 45 minutes, jumped again, he did lifting with elbows stopped, in his back, that is how to lift your weigh by the elbows or taking out the feet and he did sequences of 1, 2, 3 minutes and then of 3, 2, one minute. Try it. It’s difficult. So, his hands were taped and he trained with 5 guys, 3 rounds. And Angelo said: “If you have some another question, you can do it now (laughs)”. The most important of meeting Kostya is his knowledge, his experience and his sincerity. I watched him, did some training with him, discussed some things, he showed me another ones and I was gone away. I trained with Angelo during some months.

You hurt your shoulder during the training. Tell us how it was.

My shoulder went out of its place when we were doing fighting training and then it came back with so much strength that broke the bone of the shoulder. The result was a surgery and a long term relationship with Errol Alcott, a physiotherapist of Australian Cricket team. He came to stay for 4 weeks and finished to stay for 7 months. By luck, he had worked for more than 22 years with Australian Cricket team and had the license expired. So, he used all his license period in a boxing movie in Toronto (laughs). When we came back to the training, after the surgery, I came back to the gym with Kostya and did a whole day of training, all I had described before. And, when we were in the second series of 3 minutes of bending, with the legs stretched up, I let loose the legs and he said: “Russell, you are not so strong mentally”. Then, I knew I had to endeavor.

The Great Depression is almost a character of the movie. In your opinion, which is the importance of this movie today?

The Great Depression is for sure a character of the movie. The villain is the poverty. Craig Bierko (world heavy weight championship) as Max Baer portrays a villain that we focus for a while, but the poverty in general is a character. As to the importance of the movie today, I said that is very important to remember to the Americans, now, that there is short time ago this abundance was not a rule of the society, there is short time ago people needed to get a line to get food and only recently the structure of well social being was created. I think Americans should realize they were positioned for a good reason, they are not there to be exploited. I also consider that it’s a good moment to remember the Americans the strength of their country is based in hard work of their parents to grant to their son’s needs, not in the colonialism.

Braddock was a warrior?

I think that anyone who enters in a ring using a short and faces another man knowing that the result of the night will be the public humiliation of one of them has a great courage. If it is this courage needed to be a warrior, so is he. But it’s not a soldier of fortune or a soldier of a police cause in anyway. He just fought for the well being of his family since from the first to the last fight as a professional.

Braddock was a truly American hero. Who would you say that it’s his contemporary?

In an American context, perhaps Lance Armstrong.

It has already been a while since Master & Commander. Could you talk about the break you did between the 2 movies and how fatherhood has changed you?

Am I different? (laughs). Being a father is simply the best thing I have experienced in life. And, if you did not go through this experience, you will not know of what I am talking about.

This has changed the way you see your professional life?

My priorities changed. First, it’s the family. I was talking about this with my wife other day. She had come back home alone, arrived at home without me and she felt herself incomplete. And I had the same feeling/sensation. I was going to New York and arrived at the hotel room, put the luggage and, normally, this is the sign for you relaxing and being with yourself, preparing yourself for the work because the trip ended. But, now we are parents, we are not going to feel self-sufficient because we are stronger as people, but more vulnerable. All of this is still much new. My son, Charlie, has only 17 months old and our marriage has only 2 years. We are learning step by step and we know that the depth of our caress is growing and we realize that and we love it. It’s a funny thing: when the three of us are not together, there is a piece missed.

Do you have plans for having another son?

When Charlie is at a certain age and goes to school. If you want to know my opinion, I would have already a dozen, but it’s not only up to me (laughs). So, we will see how we will work out, but I am sure that it will be not very good for Charles growing up in this strange world alone. I think it would be good for his equilibrium and comprehension of the world if he has brothers and sisters (whispering), but don’t tell to my wife.

Paul Giamatti said you only feel happy when you are acting. Is this true?

I don’t know. I feel happy in so many other places. I feel happy to climb a hill and see the scenery (laughs). Paul sees me assuming responsibility in the set and imagines why I do that, but it’s a natural thing.

You boxing view has changed?

It’s necessary lots of courage for enter in a ring, probably the courage I would not be able to have in real life. I think there are some aspects of safe, which now are included to the young, to the amateur categories till the golden globes, what defines boxing much more as sport than without the safety conditions. I have respect for the people who face what they need to face for being boxers. I could be a little cynical as for the boxing as business, as for some people who are involved in this business and to the lack of consideration with the fighters who supposedly must promote. James Braddock did not end as drug addicted, an alcoholic or as lure of a restaurant in Las Vegas, he not ended dying mysteriously in jet plane accident with US$ 10 thousand in a paper bag under his coat. If it’s not so, I would not have been interested in doing the role. It was his re-equilibrium to the normality that makes of him the special person. Yes, he was world heavyweight champion, but he not had to wake up every day and prove that to the whole world. He followed his nose, seeing his children grow up and the grandchildren born.

You said you always want to work with Renée Zellwegger. Why?

She is a wonderful actress. I met her in 1998, in a coffee shop in San Diego, and we talked about this project. Since the beginning, she said yes. I always respected her as an actress. When she arrived at the set, she proved also to be a nice girl.

26/08/2005

- da Repubblica.it

La Zellweger, nella vita reale convolata a nozze con un cantante country, sul set diventa la consorte del pugile Russell Crowe

Renée, addio allo chic di Bridget "Ora interpreto una moglie fedele"

La diva premio Oscar al Lido con Cinderella Man, una storia di riscatto nell'America della depressione. Dirige Ron Howard
di SILVIA BIZIO - 25 agosto 2005

LOS ANGELES - Dicevano che non era adatta per Bridget Jones, nè per Chicago né per la cowgirl in Cold Mountain (Oscar come migliore attrice non protagonista): Renée Zellweger oramai ci ha fatto il callo ed è diventata specialista nello sconfiggere attese e predizioni. Perfino a livello personale: tre mesi fa, a 36 anni, l'attrice texana s'è sposata all'improvviso,con l'astro nascente della country music Kenny Chesney, senza che nessuno sapesse nulla della loro relazione. 

Nessuno obietta più nulla sul suo conto, la sua versatilità è stata provata. Oggi la Zellweger è sugli schermi nel ruolo dell'indomita Mae Braddock, la moglie del pugile James Braddock interpretato da Russell Crowe nel dramma ambientato al tempo della Grande Depressione Cinderella Man, di Ron Howard, di scena alla Mostra di Venezia. Una svolta artistica a 180 gradi rispetto alle atmosfere brillanti e radical-chic di Che pasticcio Bridget Jones! dell'anno scorso. Mala critica ha lodato il suo ritratto della moglie che vive con stoico coraggio e umanissima empatia l'epopea del marito, che da scaricatore di porto diventa campione di pesi massimi nel 1932. 

Di persona la bionda Zellweger (tinta di nero per Cinderella Man) è esattamente com'è sullo schermo: la voce sottile ma che si fa sentire, le labbra che si contorcono in sorrisi dolci e obliqui, diligente, sempre desiderosa di far bene. Piccola di statura (un metro e 60 raggiunti a malapena con i tacchi a spillo; 48 chili di peso quando non impegnata con Bridget Jones), veste jeans t-shirt e scarpe da ginnastica. Quella sua aria molto a modo unita a un'educazione di stile europeo (i genitori sono svizzeri) ricorda una Jean Arthur o Carole Lombard. 

Renée, a questo punto della sua carriera si suppone che lei potrebbe scegliere qualsiasi ruolo. Molte attrici della sua statura avrebbero forse declinato il ruolo poco "glamour" di moglie, madre e donna tutto sommato semplice in Cinderella Man. Non lei. Come mai? 
"L'ho voluta recitare proprio perché Mae è una moglie e basta. Sostiene il marito fino in fondo, è il suo punto di forza. E' vero, il film è la storia di Jim Braddock e di come quest'uomo finì per ispirare milioni di persone in un periodo terribile della storia americana, dopo il crollo economico del 1929, quando mezza nazione di ritrovò senza lavoro. Braddock aveva dovuto rinunciare al pugilato per una serie di infortuni, e si ritrovò in coda per un misero lavoro al porto per mantenere la famiglia. Ricevette anche sussidi di disoccupazione stabiliti dal New Deal del presidente Roosevelt, un tremendo colpo al suo orgoglio. Fu quando tirò fuori tutta la volontà e rabbia per tornare sul ring". 

La moglie, Mae, ebbe un ruolo importante in questa sua ascesa? 
"Certo, non smise mai di credere in lui, nemmeno quando Jim scaricava casse dalle navi. Mi è piaciuto molto recitare questa donna. E' un ruolo più discreto di altri miei del passato". 

Jim Braddock non aveva particolari abilità nè un fisico possente, vero? 
"Verissimo, per questo piaceva all'uomo comune. Vinse con la pura forza della volontà. Gli chiedevano: 'Come fai a vincere?', e lui rispondeva 'adesso so perché combatto: per un litro di latte'. Gli dicevano: 'Non sai che rischi la vita contro Max Baer?', il campione in carica che aveva già ammazzato du contendenti sul ring. E lui rispose: 'Ci sono operai che muoiono tutti i giorni sul posto di lavoro'. Che tempi dovevano essere quelli. Quanta forza ci volle per rimettersi in piedi. I tempi producono i suoi uomini. Non vedo gente come Jim o Mae Braddock ai giorni nostri. Non in questa nostra società". 

Come ha affrontato un partner come Russell Crowe? 
"So che ha una brutta fama tra voi giornalisti, ma ricordiamcelo, sono proprio l'intensità e l'ipersensibilità che lo rendono un grande attore. Il suo pefezionismo può metterlo nei pasticci. Io non ho mai visto nessun attore dedicarsi con tanta abnegazione alla preperazione di un ruolo. E' vero, è imprevedibile, ma anche per questo affascinante. Posso dire che quella con lui è stata l'esperienza più soddisfacente della mia carriera, almeno dal punto di vista creativo". 

E dal punto di vista umano? 
"Sono una molto timida per natura, mi piace la quiete fuori dal set. Non ci siamo frequentati molto". [...]

- da Reuters.it: Cinema, Crowe chiude causa per aggressione a dipendente hotel 26/08/2005

di Jeanne King

NEW YORK (Reuters) - L'attore Russell Crowe ha concluso ieri un accordo con un impiegato del famoso Mercer Hotel di New York, che il giugno scorso sarebbe stato aggredito dall'attore che gli aveva lanciato un telefono.

Un comunicato rilasciato dal vincitore del premio Oscar e dal receptionist dell'hotel Nestor Estrada, ha notificato la conclusione del caso senza fornire ulteriori dettagli.

"Entrambe le parti hanno espresso la loro soddisfazione per la conclusione del caso", si legge nella nota.

I tabloid americani hanno scritto che Crowe avrebbe offerto circa 100.000 dollari per concludere il caso. L'attore è comunque accusato di aggressione e potrebbe scontare una pena di 7 anni nel caso venisse giudicato colpevole.

L'episodio ha avuto luogo alle quattro del mattino del 6 giugno quando l'affascinante Crowe rientrò nell'hotel di SoHo per chiamare la moglie in Australia, con cui Nestor Estrada non riuscì però a metterlo in contatto. Decise dunque di staccare il telefono della stanza e di recarsi alla reception dove, in preda ad una rabbia incontrollabile, lanciò l'apparecchio all'impiegato.

Secondo la rivista The New Yorker, Crowe si sarebbe arrabbiato nel momento in cui Estrada non diede molta importanza alla richieste e alla frustrazione dell'attore.

L'udienza di Crowe, 41 anni, è fissata per 14 settembre.

- da Magazine.libero.it: Russell se la cava con 100mila dollari  26/08/2005

Trovato un accordo con l'uomo a cui tirò un telefono a New York 

Bolletta cara, ma non troppo, per Russell Crowe: l'attore sarebbe vicino a un accordo economico con Nestor (Josh) Estrada, l'addetto del Mercer Hotel di New York contro il quale tirò un telefono. Secondo alcune voci, la cifra che il premio Oscar pagherebbe a Estrada sarebbe vicina ai 100.000 dollari, quindi ben inferiore agli 11 milioni che si vociferava Crowe fosse pronto a sborsare, ma anche al solo milione di cui il concierge si sarebbe accontentato.

Sul fronte giudiziario, sembra anche che Russell sia vicino a una soluzione con i procuratori di Manhattan, che lo accusano di aggressione e uso d'arma impropria. L'attore sarebbe disposto a dichiararsi colpevole così da non vedersi chiudere in faccia le barriere americane. Anche in questo caso una soluzione decisamente più blanda dei sette anni di prigione e del bando dagli States, che rischiava.

Mentre gli avvocati dei protagonisti non commentano, il procuratore distrettuale Morgenthau afferma: «Lo scatto d'ira di Crowe è stato un fatto da niente. Se si mettono d'accordo, bene. Se Estrada è contento, lo sono anche io».

Resta ora da capire se Crowe pagherà di tasca sua o se dei 100mila si farà carico l'assicurazione, mentre si sa per certo che nell'accordo c'è una clausola che vieta a entrambe le parti di rivelare l'entità dello stesso.

Intanto, da un'intervista al Times del divo emerge una nuova versione della vicenda, secondo la quale Estrada non si sarebbe mostrato molto "disponibile" e professionale nel servizio al cliente: «Stavamo parlando da 15-20 minuti e stava provando a prendere la linea per me dicendo: "Resti in linea, continuerò a provare ma se riappende io smetto". Allora io gli ho detto: "Hey, devo andare in bagno. Se riesci a trovarla, basta che mi chiami". E lui: "No, no. Chiamo solo se lei resta in linea"».

«A me sembrava un po' irragionevole, allora gli ho fatto un discorso sul fatto di essere lontano da casa, sul fatto di avere una moglie e un figlio seduti a tavola proprio in quel momento e sul fatto che dovesse davvero aiutarmi. E quello mi risponde: "Sì, sì, come le pare" e attacca. Allora l'ho richiamato e gli ho chiesto il nome e poi ho aggiunto: "Ora vengo giù a parlarti". E sono sceso a parlare con questa persona». Beh, forse parlare è una parola grossa. Come un assegno da 100.000 dollari. (Libero News) 

stessa notizia da: ADNKronos, MTVnews, Trovacinema, TGcom, Gossipnews

25/08/2005

RussellCrowe_05-08-13_016.jpg (43867 byte) aggiunte alcune immagini dalla partita del 13/8;

 

 

 

- da Garzantilibri.it: Ecco alcune informazioni riguardanti l'edizione italiana del libro 'A Good Year' sul quale e' basata la sceneggiatura del nuovo film di Ridley Scott con Russell Crowe

Dell’autore di 'Un anno in Provenza' e 'Lezioni di francese' best seller negli USA.

Dopo il successo internazionale di Un anno in Provenza e di Lezioni di francese, Peter Mayle torna a raccontarci il fascino, i profumi e i sapori della terra che ama con un romanzo brioso e pieno di sorprese. Max Skinner è un trentenne in carriera, ma il mondo della finanza londinese si sta facendo sempre più difficile. Finché un giorno non perde il posto presso la prestigiosa compagnia dei fratelli Lawton. Per fortuna ci sono le coincidenze, perché proprio quello stesso giorno riceve una lettera da un notaio francese: Lo zio Henry gli ha lasciato in eredità la sua casa in Provenza, dove Max passava le vacanze estive quand’era ragazzo. Nella sua situazione l’idea di restarsene per qualche tempo in quella vecchia villa circondata dalle vigne è semplicemente irresistibile. Ma anche tra le dolci colline del Luberon, e precisamente nel villaggio di Saint-Pons, le cose non sono semplici come sembrano: circolano simpatie e antipatie, avidità e sotterfugi, e c’è chi vuol mettere le mani su qualcosa che non gli appartiene. A Max servono un altro pizzico di fortuna e un po’ di intuito, qualche amico e forse l’amore. E magari la voglia – o il sogno – di cambiare davvero vita. Con simpatia e leggerezza Peter Mayle ci racconta un’avventura piacevole e divertente, ricca di sorprese e di personaggi. Un’ottima annata ci fa scoprire e assaporare, pagina dopo pagina, i piaceri del vino e della buona tavola, alcuni tra i panorami più belli del mondo, i segreti della viticoltura e uno stile di vita più rilassato. Quanto a Max, al termine delle sue peripezie non rimpiangerà certo la vita londinese. E neppure gli stipendi della City... 

Peter Mayle 
Un'ottima annata (ISBN 881166573-6) 

Narratori Moderni Brossura 
Traduzione dall’inglese di Barbara Bagliano 

224 pagine - € 14.00
 

23/08/2005

- la notizia di Murph trova conferma dalla Reuters: Attrice francese si unisce a Crowe in 'Good Year' 23/08/2005

L'attrice francese Marion Cotillard, [...] recitera' a fianco di Russell Crowe nella storia d'amore francese "A Good Year."

Il film parla del bancario fallito londinese Max Skinner, interpretato da Crowe, che si trasferisce in Provenza per prendersi cura di una vigna ereditata da suo zio, interpretato da Albert Finney. Li incontra il personaggio della Cotillard, una bellissima donna californiana che afferma di essere una cugina sparita molto tempo prima e che rivendica la proprieta'. Nel cast anche Aaron Eckhart e Didier Bourdon. La trama si basa sul romanzo di Peter Mayle. 

Il regista Ridley Scott progetta di iniziare le riprese del progetto della Fox lunedi' prossimo (29/8/2005) nel Luberon, una regione della Provenza dove Mayle [...] vive [...].
Reuters/Hollywood Reporter

Tuesday August 23, 2005

French actress joins Crowe in 'Good Year'

PARIS (Hollywood Reporter) - French actress Marion Cotillard, best known for her role in Jean-Pierre Jeunet's "A Very Long Engagement," will star opposite Russell Crowe in the French romance "A Good Year."

The film is about failed London banker Max Skinner, played by Crowe, who moves to Provence to tend a vineyard he inherited from his uncle, played by Albert Finney. There he encounters Cotillard's character, a beautiful California woman who says she is a long-lost cousin and lays claim to the property. Aaron Eckhart and French actor Didier Bourdon also star. The story is based on the novel by Peter Mayle.

Director Ridley Scott is set to begin shooting the Fox project Monday in Provence's Luberon region, where Mayle -- a former colleague of Scott's from the London advertising world -- lives and based another book, his best-selling memoir "A Year in Provence."

Cotillard, whose credits also include Tim Burton's "A Good Year," appears in Abel Ferrara's "Mary," set to hit the Venice-Deauville-Toronto circuit next month. She has also signed to play the lead in "La Vie en Rose," based on the life of singer Edith Piaf. It begins shooting in Paris in December.

Reuters/Hollywood Reporter

- secondo quanto riportato da Murph, il quotidiano francese Le Parisien afferma che Russell con moglie e figlio sarebbe gia' arrivato in Francia per iniziare a girare il film 'A Good Year' (vd le notizie del 28/7/2005). Le riprese inizierebbero il 29 agosto, nella regione del Luberon, e si protrarrebbero per 8 settimane. Oltre ad Albert Finney, al cast si sarebbero aggiunti gli attori Aaron Eckhart, Marion Cotillard e Didier Bourdon;

DonnaModerna33_05-08-17_02.jpg (180792 byte) ho inserito nella pagina della stampa n. 69 le scansioni e la trascrizione dell'intervista dalla rivista 'Donna Moderna' n. 33 del 17 agosto 2005. Grazie Maria per le scansioni e grazie Maddalena per la segnalazione della trascrizione! ^__^

 

 

 

RussellCrowe_TimBauer_030.jpg (26236 byte) ho aggiunto alcune immagini del fotografo Tim Bauer alla sezione del Portfolio. Le trovi qui;

 

 

 

 

***ALLARME TV*** lunedi', 29 agosto 2005 andra' in onda il film 'Heaven's Burning' - Paradiso di fuoco (Australia, 1997) su Raisat Cinema World, alle ore ore 12.00 e alle ore 02.45

21/08/2005

- dal sito ufficiale della Biennale di Venezia: Il giorno lunedi' 5 settembre 2005, alle ore 19.00 nella SALA GRANDE - FUORI CONCORSO, sara' presentato il film CINDERELLA MAN di Ron Howard (Usa, 144', v.o. inglese s/t in italiano) con Russel Crowe, Renée Zellweger, Paul Giamatti

- da Libertaonline: Alla Mostra del cinema, in programma dal 31 agosto al 10 settembre, mai così tante star di Hollywood 21 agosto 2005 

Venezia, la calata dei divi americani
Da Clooney a Crowe, gli italiani schierano Bellucci e Cucinotta


VENEZIA Tanti divi americani nella prima parte del concorso e un finale tutto italiano. E' quello che accadrà al Lido dal 31 agosto al 10 settembre alla 62ª edizione della Mostra internazionale del cinema di Venezia. A una decina di giorni dall'inizio della manifestazione capitanata da Marco Müller ecco arrivare il calendario ufficiale che conferma in parte le indiscrezioni della vigilia. [...] Il regista e gli interpreti di Cinderella Man (fuori concorso), ovvero Ron Howard e il protagonista Russell Crowe insieme a Renée Zellweger, Paul Giamatti saranno invece a Venezia lunedì (5 settembre 2005). [...] Ester Barcella

Russell Crowe, august 13, 2005. Canberra, Canberra Raiders vs South Sydney Rabbitohs at Canberra Stadium. ecco le nuove immagini di Russell Crowe a Canberra, Australia, Canberra Stadium, per la partita della Rugby League dei Canberra Raiders contro i South Sydney Rabbitohs, 13 agosto 2005. Grazie a VSecin per la segnalazione!

 

 

RussellCrowe_EliReed_09.jpg (130968 byte) ecco anche le immagini del fotografo Eli Reed dall'UK Times Saturday Magazine

20/08/2005

- visto che sono stata fuori tutta la settimana e non sapevo che fosse in edicola... qualcuno potrebbe scansionarmi l'articolo su Russell apparso questa settimana su 'Donna Moderna' (segnalato da Maddalena)?

- da Comingsoon.it: Albert Finney per Ridley Scott 17/08/2005

Il veterano attore inglese Albert Finney è stato scritturato per apparire al fianco di Russell Crowe in A GOOD YEAR, il nuovo film di Ridley Scott. La storia, dal romanzo omonimo di Peter Mayle, è incentrata su Max Skinner, un finanziere londinese che lascia la sua vita stressante dopo aver ereditato un vigneto nel sud della Francia. Finney sarà Henry Skinner, zio dell’uomo ed ex proprietario. Nel cast manca ancora la protagonista femminile. (Grazie anche a Maddalena!)

- da FilmUp: Gossip Flash: addio ad Hollywood per Russell Crowe? 17 agosto 2005

Brutta esperienza per l'attore neozelandese, conosciuto non solo per la fama cinematografica, ma anche per il suo pessimo carattere.
Il Premio Oscar per "Il Gladiatore", infatti, è stato arrestato per aggressione il 6 Giugno scorso a New York, dopo che ha tirato un telefono in faccia ad un dipendente dell'esclusivo Mercer Hotel di Soho.
Tutta la vicenda, ripresa da una telecamera a circuito chiuso, inizia quando Russell Crowe tenta di chiamare sua moglie, Danielle Spencer, ma il telefono si rifiuta di funzionare e l'attore protagonista di "A Beautiful Mind", se la prende con Nestor Estrada, 28 anni, dipendente dell'albergo, tirandogli in faccia l'apparecchio incriminato. Il malcapitato finisce in ospedale per una ferita alla guancia, mentre Russell Crowe è portato via in manette.
Il 14 settembre l'attore comparirà davanti alla Corte del Tribunale di Manhattan per rispondere dei reati attribuitigli. Se dovesse essere dichiarato colpevole, rischia fino ad otto anni di carcere e l'espulsione a vita dagli Stati Uniti, e questo significa anche lasciare Hollywood.
Secondo alcune voci, si parla già di un patteggiamento, per cui l'attore dovrà sborsare oltre 15 milioni di dollari al Sig. Estrada per evitare la pena, e che la videocassetta con l'incidente sia resa.
Monica Cabras (Grazie Maddalena!)

- dal TGcom: Crowe, una telefonata da 12 milioni 16/8/2005

Patteggia dopo l'assalto al concierge

Una telefonata da 12 milioni di euro. E' costata cara a Russell Crowe, 41 anni, l'interurbana fatta da una camera d'hotel di New York alla famiglia e condita da una discussione con il concierge dell'albergo. A causa dell'alterco con il dipendente, che ha riportato lesioni alla testa e al volto, l'attore neozelandese dovrà versare l'enorme cifra a titolo di risarcimento, per evitare di finire davanti al giudice.

La questione dell'assalto a Nestor Estrada da parte di Crowe verrà risolta fuori dal tribunale per evitare problemi poichè l'attore, se ritenuto colpevole, sarà bandito dagli Usa. Gli avvocati delle due parti in causa stanno patteggiando la cifra che, secondo quanto emerso finora, dovrebbe aggirarsi intorno ai 12 milioni di euro. 
Il fatto risale al 6 giugno scorso. Crowe stava cercando di telefonare alla moglie Danielle Spencer e al figlio in Nuova Zelanda da un hotel di New York, ma l'apparecchio della sua camera si rifiutava di funzionare. Chiamato un dipendente dell'albergo per chiedere spiegazioni, Crowe si era scagliato contro di lui, colpendolo con la cornetta del telefono e assalendolo. Mentre il poveretto finiva in ospedale, Crowe veniva arrestato con l'accusa di aggressione, testimoniata da una telecamera a circuito chiuso dell'hotel. 

Per la polizia il caso dovrebbe essere risolto in tribunale il prossimo 14 settembre e, se giudicato colpevole, l'attore potrebbe finire in prigione per otto anni o, nel migliore dei casi, essere bandito dagli Stati Uniti. Una situazione quanto mai scomoda per il personaggio hollywoodiano che si reca spesso negli States per girare i suoi film e che potrebbe mancare la consegna dei premi Oscar il prossimo anno. Per questo i suoi legali hanno deciso di patteggiare con Nestor Estrada, l'uomo aggredito, offrendogli circa 12 milioni di euro a patto di far cadere le accuse. 

La star, che al momento è in Nuova Zelanda con la famiglia, sarebbe pentita e avrebbe detto di sentirsi sul fondo di un pozzo. "Non posso spiegare quanto la mia vita sia buia in questo istante" sarebbero state le prime parole di Crowe, dopo l'arresto. Questa però non è la prima volta che Crowe si mette nei guai a causa dei suoi scatti d'ira. Anni fa, durante la consegna dei premi Bafta, aveva incollato al muro un produttore reo di avere tagliato una parte del suo discorso di ringraziamento; e tre anni or sono aveva malmenato una donna che lo aveva infastidito in un ristorante di Londra. Il motivo? A sentir lui, era solo molto, molto "stressato"... (Grazie Maddalena!)

- dal Corriere.it: La telefonata di Russell: 15 milioni di dollari 15 agosto 2005

Tanto costerà all'attore l'aggressione all'impiegato dell'albergo

La questione verrà risolta fuori dal tribunale per evitare problemi a Crowe che se ritenuto colpevole sarà bandito dagli Usa 


Quanto può costare una telefonata? Chiedetelo a Russell Crowe che pagherà una telefonata non fatta 15 milioni di dollari. O meglio pagherà tale cifra per aver aggredito e malmenato un impiegato del famoso Mercer Hotel di Soho, a Manhattan, in cui l'attore alloggiava il 6 giugno scorso. L'attore si trovava a New York per promuovere il suo film «Cinderella Man»
Alle quattro del mattino Russell avrebbe voluto chiamare la moglie Danielle e il figlioletto in Australia, ma il telefono della sua stanza non voleva saperne di funzionare. Per questo chiamò il personale dell'albergo. Nestor Estrada non riuscì nel suo intento suscitando l'ira di Crowe, che in preda ad una rabbia incontrollabile gli lancia la cornetta sul viso e un vaso.

Intorno alle 4,20 il popolare attore venne arrestato con l'accusa di aggressione, mentre il malcapitato cameriere viene portato in ospedale spaventatissimo, a quanto dice, ma solo con alcune lesioni superficiali.
L'attore neozelandese non è nuovo agli scatti d'ira, ma questa volta si è messo davvero nei guai. Una guardia dell'albergo avrebbe filmato l'aggressione e in tribunale una testimonianza del genere sarebbe fatale per il Gladiatore, che rischia così la prigione e di essere bandito dagli Stati Uniti. 
Per evitare tutto questo e una situazione dannosa per la carriera e l'immagine (ovvero non poter tornare negli Usa per nessun motivo pena la galera) gli avvocati delle due parti in causa sono vicini alla firma di un accordo: Mr Estrada riceverà, a quanto stabilito, 15 milioni di dollari come risarcimento prima che la causa vada in corte il prossimo mese. 
Ma la questione non sembra comunque così semplice da risolversi. Da Manhattan fanno sapere che tali modalità di risoluzione potrebbero comunque causare a Russell un'accusa per «comportamento illegale». 
Stefania Pallotta (Grazie Maddalena!)

links da VSecin: 

- video sulla questione del lancio del telefono - andate alle notizie del giorno 14 agosto e cliccate su Crowe in reported $14m concierge payoff (Weekend Sunrise);

- intervista a Ron Howard su 'Cinderella Man' (in inglese) - grazie Vania!

***ALLARME TV*** mercoledi', 24 agosto 2005 andra' in onda il film 'Il gladiatore' su Studio Universal alle ore 02.00

12/08/2005

Russell sta conducendo, tramite Murph, un'indagine sul luogo dove tenere un eventuale concerto europeo nei giorni 7 e/o 8 ottobre 2005. Lui stesso proponeva la citta' di Marsiglia in Francia perche' la ritiene centrale, in termini europei (?!?!?) Potete esprimere le vostre preferenze sul guestbook di Murph cliccando qui.

11/08/2005

Movie_05-09_01.jpg (240130 byte) ho inserito nella pagina della stampa n. 69 le scansioni dalla rivista “Best Movie” edizione settembre 2005. Grazie a Cora per le scansioni!

 

 

 

RussellCroweAgosto_2005.jpg (32100 byte) e' online la pagina di agosto del calendario creato da Lory Crowe. Grazie Lory! ^__^

05/08/2005

- da Murphsplace.com: Questa e' la risposta di Russell alla domanda sui suoi progetti per settembre:

a riguardo dell'Europa a settembre, non ci sono ancora progetti confermati.
ho piu' volte ribadito il mio desiderio di visitare il Giappone con questo film (Cinderella Man), ma per ora non c'e' nessun viaggio in programma.
"A Good Year" (vd. notizie del 28/07/2005) e' un progetto di Ridley (Scott) di cui stiamo parlando da tanto tempo.


Here is Russell's reply to a query on his plans this September:

no confirmed schedule for me in europe as yet.
have repeatedly confirmed my desire to visit japan with this movie,no scheduled visit as yet.
"a good year" is a project of ridley's that we have talked about for a long time.

03/08/2005

RussellCrowe_05-08-2005_05.jpg (38382 byte) ecco le nuove foto di Russell al giardino botanico di Sydney

 

 

 

- sta girando una vecchia notizia che viene spacciata per nuova:

da comingsoon.it: La buona azione di Russell Crowe 08/02/2005

Nonostante il suo caratteraccio, che lo porta a litigare se non mollare qualche pugno a chiunque lo importuni, Russell Crowe ha davvero un cuore d’oro. L’attore australiano, prossimamente al cinema con CINDERELLA MAN, ha infatti donato la bellezza di 200.000 dollari a una scuola elementare australiana non lontano dal suo ranch. Qualche tempo fa Crowe ha appreso la tragica notizia della morte per annegamento, avvenuta nel 2001, di uno dei piccoli studenti della scuola, che era andato a nuotare al largo di una spiaggia poco lontana. Di qui l’idea di finanziare la costruzione di una piscina in cui gli allievi, d’ora in avanti, potranno nuotare senza pericolo. 

da LoSpettacolo.it: Russell Crowe fa un gesto benefico 03/08/2005

L'attore dona 200.000 dollari a una scuola elementare 

Questa volta Russell Crowe ha deciso di conquistare la prima pagina delle copertine dei giornali con un'azione benefica invece delle solite risse fuori da bar... L’attore ha infatti donato 200.000 dollari a una scuola elementare australiana nei pressi del suo ranch.
La storia nasconde anche un episodio tragico: nel 2001 a causa di un annegamento è morto uno studente della scuola andato a nuotare al largo di una spiaggia non lontana dalla scuola. Da lì è nata l'idea di costruire una piscina per gli studenti che sorgerà anche grazie alla donazione fatta dalla star.

Questa storia risale a due anni or sono:

dal SundayMail del 08/04/2003: [...] Locals are now hoping a swimming pool to be built at a local primary school using $200,000 donated by Crowe will go ahead.

Nana Glen Public School principal Lawrie Renshall said the land had been surveyed but plans were yet to be drawn up and submitted for the proposed 25-metre, six-lane pool, The Coffs Harbour Advocate reported today.

It was hoped the pool would be built by next summer [...]

da parliament.nsw.gov.au: RUSSELL CROWE COMMUNITY INVOLVEMENT 03/07/2003

in sostanza: poco dopo la baruffa nel ristorante Zuma Russell aveva donato i 200.000 dollari per la costruzione della piscina a Coffs Harbour. La 'notizia' semmai potrebbe essere che a distanza di piu' di due anni la piscina ancora non e' stata costruita...

 

Questo sito e' creato, mantenuto e gestito da lampedusa. Se hai bisogno di contattarmi, scrivimi all'indirizzo lampedusa@tin.it. Se hai delle informazioni da segnalarmi, contattami via email. Il sito e' online dal 21 febbraio 2001. Pagina creata il 13/09/2005