Rapimento e Riscatto - Proof of Life - La conferenza stampa

 

Il 15 febbraio 2001, in occasione del lancio del film Rapimento e Riscatto in Italia, Russell Crowe ha tenuto una conferenza stampa a Roma. Eccone la trascrizione.

 

Capelli lunghi, barba non fatta, camicia azzurra su giacca marrone, ha pure provato a parlare italiano. Ha infatti esordito rivolto ai giornalisti con un "Buongiorno. Scatenate l'inferno". Così si è presentato l'attore australiano Russell Crowe ai giornalisti nel corso dell'incontro di presentazione della pellicola Rapimento e Riscatto per la regia di Taylor Hackford che uscirà nelle sale cinematografiche italiane il 2 marzo 2001. Rapimento e riscatto come business, è questo il filo conduttore di un film che ha fatto parlare di sé anche per la love story nata sul set tra Crowe e la bella Meg Ryan, nota a Hollywood come la fidanzatina d'America. Sull'argomento il gladiatore non ha aperto bocca. La Warner Bros ha fatto sapere in anticipo ai giornalisti che non erano gradite domande sulla vita privata dell’attore. Scontroso, irascibile ma anche affabile e ironico, decisamente accattivante, senza dubbio affascinante, oseremmo dire un gladiatore dal cuore tenero che non ama le mezze misure e che preferisce dire quello che pensa: si lascia andare volentieri al turpiloquio mentre fuma una sigaretta dietro l'altra. Russel Crowe non risponde a domande sulla sua vita privata (la sua storia d'amore con Meg Ryan sembra sia finita da poco), per il resto lo scopriamo loquace e con un grande senso dell'umorismo, si capisce che non gli importa molto di essere uno degli attori più amati dalla platea femminile, è un divo suo malgrado, fiero di essere australiano e ancora più orgoglioso di aver lavorato con registi del calibro di Michael Mann, Ridley Scott, Curtis Hanson e Taylor Hackford che lo ha diretto in Rapimento e Riscatto.

Cosa l'ha stimolata di più di questi registi?

Curtis Hanson è un pensatore, una persona che cerca di arrivare al fondo di ogni cosa, ha bisogno di tempo, anche quando gli si fanno delle domande sicuramente avrai una risposta ma nel tempo che lui decide, siamo molto amici e abbiamo molto rispetto l'uno dell'altro, L.A.Confidential è un film che mi ha portato in una nuova stratosfera di lavoro, non volevamo realizzare un film di successo ma un buon film. Per quanto riguarda Michael Mann è un pazzo, completamente folle, è molto intelligente e ha un'ottima memoria fotografica, bisogna fare molta attenzione al tipo di domande che gli si fanno perché risponde sempre a tono, il mio rapporto con lui è come quello di un padre e suo figlio, credo sia il regista che mi ha permesso di esprimermi al meglio. Lavorare con Ridley Scott è come fare fisica quantistica con Picasso, perché è un pittore, un artista visivo, è molto brillante ed ha un fantastico senso dell'umorismo, forse perché è inglese. Taylor Hackford è proprio un'altra cosa.

Recitare è semplice per lei?

Sì, è semplice, facile. Si dicono tante cose sul mestiere dell'attore, in realtà essere attori vuol dire sapere le battute, sapere come vanno dette e poi si gira. Quello che posso dire è che è molto piacevole capire a fondo un personaggio, essere coinvolti dalla vita stessa del personaggio che si interpreta; non è una cosa indispensabile, però fare delle ricerche aiuta anche ad avere un rapporto migliore con il regista.

Crede che comporti delle differenza essere un attore australiano che lavora negli Stati Uniti?

Contrariamente a quello che si pensa noi australiani abbiamo un ottimo grado di istruzione, leggiamo moltissimo, affrontiamo tutte le forme artistiche molto seriamente; quindi prima di essere notati dai registi facciamo una lunga gavetta, e poi gli australiani sono prima di tutto ottimi attori di teatro, anch'io ho fatto teatro, e prendiamo tutte le arti in maniera molto seria. Prima di arrivare all'attenzione dei registi alle spalle abbiamo migliaia di ore di teatro, un esempio in questo senso è proprio Mel Gibson che prima di approdare ad Hollywood era un grande attore di teatro. Ci dipingono solo come i belli del cinema, ma non è così. Di noi attori australiani posso dire che siamo molto pratici, pragmatici e non arroganti; se un regista ci sceglie è per l'esperienza. 

Cosa pensa dell'affermazione di Anthony Hopkins che di recente ha detto che recitare è molto semplice? 

Ha perfettamente ragione. Essere attori significa solo imparare delle battute e sapere in che modo devono essere dette. Quello che mi piace di questo lavoro è capire il personaggio che si va ad interpretare e lasciarmi coinvolgere completamente nella sua vita anche se alla fine non è indispensabile farlo. Sicuramente studiare la persona a cui presti il tuo corpo è utile.

Nel film Rapimento e Riscatto si affronta il tema del rapimento, crede sia una dei crimini peggiori? C'è qualcosa che la spaventa particolarmente?

Privare una persona della sua libertà è certamente un'azione terribile. La cosa che mi spaventa di più, che credo vivrei molto male è la possibilità di finire in prigione, nel ruolo di Massimo [vd. Il Gladiatore] ho vissuto questa esperienza ed è terrorizzante.

Si sente un po' un ostaggio dei media? Crede di aver perso parte della sua libertà, si sente etichettato?

Sicuramente mi sento un po' un prodotto. Ovviamente Hollywood ha sempre bisogno di un cattivo, sembra che sia questa l'etichetta che mi hanno affibbiato ma io non avrei mai potuto avere il tipo di rapporto che ho con i registi se non fossi stato la persona che sono. Sono stato anche definito un animale selvaggio, una persona priva di emozioni ma in realtà sono una persona molto sensibile, se non lo fossi non avrei potuto fare i personaggi che ho fatto. Rispetto a questo tipo di critiche cerco di mantenere il mio senso dell'umorismo e un certo distacco.

Per il secondo anno consecutivo candidato all'Oscar come migliore attore, lusingato?

Non so se sono più sorpreso quest'anno o se lo sono stato lo scorso anno quando ho ricevuto la nomination per Insider. È sicuramente un onore per me ottenere questi riconoscimenti, soprattutto perché la nomination ti viene data dai tuoi stessi colleghi. Il Gladiatore si presenterà ad Hollywood con 12 possibilità di vittoria, speriamo bene, ma non dobbiamo dimenticare che "Hollywood è un castello di carte e bisogna stare attenti da che parte tira il vento" (frase recitata in lingua italiana dall'attore). Un merito particolare va al regista Ridley Scott che ha svolto un lavoro quasi perfetto riuscendo a realizzare un film commerciale ma di alto contenuto artistico. Ridley negli ultimi venti anni ha fatto grandi cose e il successo al botteghino gli permette di continuare a fare il suo lavoro al meglio. Lavorare con lui é come fare la fisica quantistica con Picasso, un vero pittore. E il successo commerciale gli permetterà di andare avanti così. Non ho ancora visto il suo Hannibal, ma non vedo l'ora: dicono che fa davvero spavento. Comunque è un grandissimo piacere, è un onore ricevere l'attenzione dell'Academy, credo di meritarla questa nomination.

Si vedrebbe in futuro nella parte di James Bond?

Potrebbe essere una grande opportunità ma so che Pierce Brosnan ne dovrà fare un altro per contratto. È un personaggio affascinante che a mio avviso fino adesso non è stato preso molto seriamente. Chi svolge il lavoro da 007 è una persona da scoprire e studiare attentamente, se mi fosse concessa l'occasione vorrei rafforzare questo tipo di persona e renderla più contemporanea.

La musica è una delle sue grandi passioni, da sempre.

Suono la chitarra e canto in un gruppo, si chiama "Thirty Odd Foot of Grunts", stiamo insieme dall'84 e abbiamo inciso il nostro quinto album Bastard Life or Clarity. La musica è il mezzo con cui esprimo me stesso, soddisfo tutti i miei bisogni, quando faccio l'attore sono nei panni di qualcun altro e soddisfo il bisogno di qualcun altro, quando sono con la mia band sono me stesso. Fino adesso non ho mai avuto problemi nel fare entrambe le cose. Siamo stati invitati ufficialmente a Sanremo, ma ancora non abbiamo dato una risposta perché dobbiamo valutare gli impegni di ciascuno di noi. Comunque ci piacerebbe andare al Festival e, se andremo, sicuramente faremo tappa anche a Milano

I suoi progetti futuri?

Sarò un matematico schizofrenico nel nuovo film di Ron Howard A Beautiful Mind.

Le foto della conferenza stampa
POL_conf01.jpg (20572 byte) POL_conf02.jpg (33071 byte) POL_conf03.jpg (37162 byte) POL_conf04.jpg (32695 byte) POL_conf05.jpg (34011 byte)
POL_conf06.jpg (33082 byte) POL_conf07.jpg (39964 byte) POL_conf08.jpg (22182 byte) POL_conf09.jpg (15239 byte)
Curiosita'...
Durante la conferenza stampa e le varie interviste Russell si e' esibito in alcune frasi in lingua italiana. Ecco quanto da lui pronunciato nella nostra lingua:
  • "Hollywood è un castello di carte, devi stare attento da che parte tira il vento." 
  • "Ieri sera ho bevuto come una spugna." (sottolineando che questa e' la sua frase preferita... ^___^)
  • "Ieri sono andato ad annusare la sabbia del Colosseo, ma la sabbia non c’è più. I tempi sono cambiati. I tempi sono cambiati. I tempi sono cambiati"
torna alla pagina di Rapimento e Riscatto
leggi il testo dell'intervista televisiva a Russell a MTV 

 

Questo sito e' creato, mantenuto e gestito da lampedusa. Se hai bisogno di contattarmi, scrivimi all'indirizzo lampedusa@tin.it. Se hai delle informazioni da segnalarmi, contattami via email. Il sito e' online dal 21 febbraio 2001. Pagina creata il 11/04/2001 - aggiornata 17/04/2004