The Crossing (1990)

Il primo ruolo da protagonista per Russell Crowe

loc_crossing_grande.jpg (69153 byte)

Titolo originale:  The Crossing
Nazione:  Australia
Anno:  1990
Genere:  Drammatico
Durata:  92'
Regia:  George Ogilvie
Sceneggiatura: Ranald Allan
Musiche: Martin Armiger
Fotografia: Jeff Darling
Montaggio: Henry Dangar
Scenografia: Kim Darby
Costumi:  Katie Pye
Cast: Russell Crowe (Johnny)
Robert Mammone (Sam)
Danielle Spencer (Meg)
Emily Lumbers (Jenny)
Rodney Bell (Shorty)
Ben Oxenbould (Heavyfoot)
Myles Collins (Stretch)
Marc Gray (Nort)
Produzione: Beyond Productions
Produttore: Sue Seeary
Prima: 18/10/1990
The Crossing

la trama

Sam, che aveva lasciato la piccola citta' dove era cresciuto per andare studiare, vi ritorna per una ricorrenza. Li' trova Meg, che era stata la sua ragazza, fidanzata con Johnny, che era stato  il suo migliore amico. Il ritorno di Sam mette in pericolo il rapporto di Meg e Johnny. Ubriachi, i due ragazzi decidono di fare una gara con le loro automobili per decidere chi debba avere Meg; l'assurda gara sara' decisa ad un incrocio di ferrovia...

 

 
tutte le immagini in alto, tranne la locandina, sono tratte dalla slideshow del russelcrowefanclub
crossing_cast_01.jpg (26154 byte) RussellCrowe_Crossing01.jpg (84521 byte) crossing_cast_02.jpg (32501 byte)
alcune foto dei tre interpreti principali del film
dalla rivista Movie Magazine (Australia), edizione novembre/dicembre 1990

 

THE CROSSING (pag. 30 art.)

 

Una caratteristica degna di nota del film “The Crossing” è data dalla cinematografia di Jeff Darling. Il lasso di tempo entro il quale il film si svolge, (le 24 ore del “giorno di Anzac” a metà degli anni 60), viene rappresentato da Darling “attraverso ripetute immagini da esaminare” - una scelta, questa, che appare subito chiara fin dalle prime inquadrature, dall’aspetto quasi astratto, come pure nelle immagini che si stagliano in controluce durante la funzione mattutina di questo ‘giorno dell’anno così importante’. Per il piccolo paese di campagna, in cui si svolge il film, questa si trasformerà in una giornata che, ‘al tramontare del sole’, conoscerà un drammatico epilogo. Protagonisti della storia sono tre giovani - Johnny (ottima interpretazione di Russell Crowe), Meg (Danielle Spencer), alla quale lui ha appena chiesto di sposarlo, e Sam (Robert Mammone), il fidanzato che ha abbandonato Meg 18 mesi prima e il cui ritorno metterà in moto una serie di eventi a catena. Il suo arrivo costringerà Meg a scegliere tra lui e Johnny e farà emergere altri rapporti e personaggi di quella città.

Il regista, George Ogilvie, riesce ad ottenere buoni risultati dai tre protagonisti, sostenuti da un cast di attori non protagonisti di tutto rispetto.

Il fatto di ambientare la storia nel “giorno di Anzac” permette alla sceneggiatura (di Ranald Alland) di mettere in evidenza le fondamentali differenze tra le generazioni - differenze che questo giorno in particolare sembra mettere in maggiore evidenza. Esiste poi una legame simbolico tra il pericoloso rituale che si svolge in occasione della cerimonia e il punto cruciale del film, durante il quale i personaggi sono costretti a prendere una decisione. Il film giunge dunque ad un ‘incrocio’ (traduzione di ‘the Crossing’ NDT), sia letteralmente che metaforicamente, che segna la fine di un giorno molto importante e forse, come suggerito dalla breve appendice del film, l’inizio di una nuova fase nella vita dei personaggi.

 

INTERVISTA

 

ALL’INCROCIO (Il titolo del film non è stato ufficialmente tradotto. NDT.)

 

Russell Crowe, Robert Mammone e Danielle Spencer - Tre giovani attori alla loro prima interpretazione da protagonisti.

 

Vi ricordate “I RAGAZZI DELLA 56 STRADA” ? È stato il film col quale Hollywood ha lanciato quella masnada di ormai noti ex - ragazzini quali Tom Cruise, Rob Lowe, Emilio Estevez, Patrick Swayze, Ralph Macchio e Matt Dillon, tutti comparsi in quel film. Il nuovo film THE CROSSING, con un cast formato da nuovi brillanti volti del cinema australiano, potrebbe essere visto come la versione australiana del suddetto film americano.

Ambientato in una cittadina di campagna del New South Wales a metà degli anni 60, THE CROSSING prende in considerazione l’inquieto cammino del primo amore e gli effetti, talvolta disastrosi, che finiscono col coinvolgere i giovani protagonisti.

Sam e Meg erano innamorati fino al giorno in cui Sam, per ragioni personali, senza dare spiegazioni, lascia la città.

Meg, col cuore spezzato, si rivolge al migliore amico di Sam, Johnny, e il loro rapporto cresce fino al giorno in cui Sam ritorna. A questo punto i tre protagonisti devono fare i conti con le loro scelte.

“Tutti i personaggi sono importanti allo stesso modo,” afferma il regista George Ogilvie, “per questo è stato necessario suscitare l’interesse del pubblico, con attenzione e cautela, tramite la presentazione di queste tre vite e delle loro famiglie.

Nell’assegnare i vari ruoli, Ogilvie ha dichiarato: “Non mi servivano solo persone giuste per le parti in questione, ma anche persone che fossero in grado di sostenersi a vicenda durante tutto il periodo delle riprese.”

Per scegliere gli attori che avrebbero fatto parte del cast, Ogilvie ha diviso gli attori in gruppi di studio. “Riuniva gruppi di circa 12 persone in una stanza, poi ci descriveva un po’ la situazione e noi dovevamo creare delle scene improvvisando,” ha detto Russell Crowe che è stato il primo ad essere scelto.

“George mi ha chiesto quale ruolo avessi voluto interpretare e ho scelto Johnny perché ho pensato che la sua crescita fosse caratterizzata da molte più evoluzioni emotive,” ha affermato Crowe.

Ogilvie ha usato lo stesso metodo durante le prove, “avevamo tre settimane di prove, ma invece di

abbozzare la scena discutevamo apertamente e creavamo delle situazioni; alla fine però avevamo ben chiaro in testa come il nostro personaggio doveva essere. Siamo entrati nei loro panni senza recitarne le battute,” ha detto Crowe.

Il 26enne Crowe, che quest'anno ha ricevuto la nomination dall'AFI ("Australian Film Institute", gli Oscar australiani NDT) come Migliore Attore, recita da quando aveva sei anni, cioè da quando i suoi genitori lavoravano come ristoratori sul set della serie televisiva “Spyforce”.

Crowe ha debuttato nel film “Giuramento di sangue” a fianco di Bryan Brown. “Le mie battute non erano molte, ma ero presente in diverse scene. Ho avuto l’opportunità di osservare come lavorava Bryan Brown. Sono stato fortunato a lavorare con una persona con così tanta esperienza,” ha dichiarato.

Quando Robert Mammone ha ottenuto la parte di Sam è rimasto piacevolmente sorpreso.

“Non pensavo che me l’avrebbero data. Non mi vedevo a recitare quel ruolo. Ero lì per una parte secondaria,” ha dichiarato. “Ho partecipato ai gruppi di studio ed ero la persona più vecchia. Stavano cercando di stabilire se quello che volevano fossero attori giovani o attori più vecchi che interpretassero personaggi più giovani. Hanno optato per la seconda soluzione per via del fatto che i giovani attori non avrebbero avuto lo stesso bagaglio di esperienze di vita.”

Mammone, nato ad Adelaide, si è trasferito a Sidney sei anni fa per cercare di fare l’attore. Quello in THE CROSSING è il suo primo ruolo importante.

Sul personaggio di Sam Mammone dichiara: “Mi piace il suo individualismo, è quella la sua forza. Ci vuole del fegato a prendere e lasciare la città all’improvviso e poi ritornare sapendo benissimo che questo causerà seri problemi e drammatiche conseguenze.”

Il ruolo cardinale di Meg, oggetto del desiderio di entrambi i ragazzi, è affidato a Danielle Spencer. Come per gli altri attori, anche per lei, THE CROSSING, è il primo film in cui recita da protagonista.

Nata in una famiglia che lavora nel mondo dello spettacolo, sua madre faceva la cantante e suo padre, Don Spencer, ha inciso dischi per bambini e presentato per 18 anni il programma televisivo "Playschool". Spencer ha affermato di aver sempre saputo che Danielle sarebbe stata un’artista. Studiando danza, il suo primo ruolo, dopo aver lasciato la scuola, è stato nel musical, di scarso successo, “Rasputin”.

Dopo aver letto la sceneggiatura di THE CROSSING, Spencer ha voluto quella parte a tutti i costi. “Sapevo che era un ruolo bellissimo ed ero decisa a farmelo assegnare,” ha dichiarato.

“La trama mi piaceva: il fatto che si trattasse di un triangolo amoroso ambientato negli anni 60 e poi la grande forza del mio personaggio…da una parte era un’autentica ragazza di campagna, una persona semplice che conduceva una vita semplice, ma da un punto di vista emotivo il suo personaggio è molto più complesso; le decisioni per lei, specialmente quando si tratta di scegliere tra Johnny e Sam non sono definitive.”

“Johnny è adorabile e Sam è eccitante, per questo per Meg è difficile scegliere,” ha dichiarato. “Per Johnny le cose sono semplici: lui vuole sposare Meg e basta. Sa quello che vuole, Sam, invece è attraente perché è un sognatore.”

THE CROSSING è un debutto importante per i tre giovani attori destinati a portare avanti con successo la loro carriera nell’industria cinematografica australiana.

 

Katherine Tulich. (traduzione di AleNash)

 

THE CROSSING (Pag. 30 art.)

A striking feature of THE CROSSING is Jeff Darling's cinematography. The film's time-span (24 hours one Anzac Day in the mid 60s) is interpreted by Darling "through repeated observational images" - an approach that is immediately apparent in the almost abstract opening shots and the silhouetted images of a dawn service on the 'one day of the year'. For the small country town in which the film is set it becomes a day that, 'at the going down of the sun', will end dramatically. At the center of the drama are three young people - Johnny (a fine performance by Russell Crowe), Meg (Danielle Spencer), the girl whom he has just asked to marry him, and Sam (Robert Mammone), the boyfriend who abandoned Meg 18 months ago and whose return sets the chain of events in motion. His arrival forces Meg to make a choice between him and Johnny and also brings into focus other relationships and characters in the town.

Director, George Ogilvie, draws good performances from the three principals, nicely complemented by a strong supporting cast.

Setting the story on Anzac Day allows the screenplay (by Ranald Alland) to underline the fundamental differences between the generations - differences which this particular day seems to elicit most. There is also a symbolic connection between the life-and-death ritual of that occasion and the film's climax during which a resolution is forced upon the characters. It is the film's 'crossing' both literally and figuratively, marking the end of an eventful day and, as hinted in the film's brief coda, possibly the beginning of a new phase in the lives of the characters.

INTERVIEW

-------------------------------

AT "THE CROSSING"

Russell Crowe, Robert Mammone and Danielle Spencer - Three Young Actors in their First Major Movie Roles.

Remember THE OUTSIDERS? It was Hollywood's introduction to the now-famous brat pack - stars like Tom Cruise, Rob Lowe, Emilio Estevez, Patrick Swayze, Ralph Macchio and Matt Dillon who all featured in the film. The new film, THE CROSSING, could very well be Australia's version of THE OUTSIDERS with a cast of bright young new Australian actors.

Set in a small NSW country town in the mid-1960s, THE CROSSING takes the tumultuous path of first love and its sometimes-disastrous effect on the young people involved.

Sam and Meg were in love, until Sam, for his own reasons, up and left town without a word. Broken-hearted Meg turns to Sam's best friend, Johnny, and their relationship grows until, one day, Sam returns. Now the three have to face their choices.

"All the characters are equally important," says director, George Ogilvie, "so we had to carefully and gently draw the audience through their three lives and families."

In casting the roles, Ogilvie said: "I needed not only the right people for the roles, but people who could support each other throughout the shoot."

To choose the cast, Ogilvie carried out workshops for the actors. "He'd get a group of about 12 young people in a room, then he'd explain the situation and we played games and improvised," said Russell Crowe who was the first actor cast.

"George asked me what role I would like and I chose Johnny because I felt his journey had far more emotional turns," he said.

Ogilvie applied the same method for rehearsals, "We had three weeks rehearsal, but, instead of blocking out the scenes, we just discussed things and played games, but in that time we had every single part of our character indelibly printed in our minds. We became the characters without having to speak the dialogue," said Crowe.

26-year-old Crowe, who has been nominated for a Best Actor award at this year's AFI Awards, has been acting since he was six when his parents were location caterers on the television series, "Spyforce".

Crowe made his feature film debut in BLOOD OATH opposite Bryan Brown. "I didn't have a lot of dialogue, but I was in many scenes. It gave me a chance to observe how Bryan Brown works. I was lucky to be working with someone with so much experience," he said.

When 25-year-old Robert Mammone got the role of Sam, he was pleasantly surprised.

"I didn't think I'd have a chance of getting it. I didn't see myself in that role. I was just going for a supporting role," he said. "I was in the workshops and I was the oldest person there. They were trying to work out whether they wanted young actors or get older actors to play younger roles. They decided on actors who were a bit older because they felt the young actors didn't have the life experience."

Mammone, who was born in Adelaide, moved to Sydney six years ago to pursue acting, THE CROSSING is his first major film role.

Of the character of Sam, Mammone says: "I like his individualism. That's his strength. To actually get up and leave town and then to come back knowing there would be drama and ramifications that took guts."

Playing the pivotal role of Meg, the love interest of both boys, is Danielle Spencer and, like the other actors, THE CROSSING is her first major role.

Born into a showbusiness family - her mother was a singer, and her father, Don Spencer, has made children's records and hostess "Playschool" for 18 years - Spencer said she always knew she would be a performer. Studying dance, her first role after leaving school was in the short-lived musical "Rasputin".

After reading the script of THE CROSSING, Spencer desperately wanted the role. "I knew it was a great role and I was determined to get it," she said.

"I liked the story, the fact that it was a love triangle set in the 60s, and my character has a lot of strength. On the one hand she was a real farm girl, an innocent leading a simple life, but emotionally she's more complicated - decisions, especially when it comes to Johnny and Sam, are not cut and dried for her."

"Johnny's loveable and Sam's exciting, so it's difficult choice for Meg," she said. "For Johnny, things are simple. He wants to marry Meg and that's it. He knows what he is about, but Sam is attractive because he is a dreamer."

THE CROSSING is an impressive debut for all three actors, and they are bound to continue successful careers in the Australian film industry.

Katherine Tulich

 

Questo sito e' creato, mantenuto e gestito da lampedusa. Se hai bisogno di contattarmi, scrivimi all'indirizzo lampedusa@tin.it. Se hai delle informazioni da segnalarmi, contattami via email. Il sito e' online dal 21 febbraio 2001. Pagina creata il 16/11/2001 - aggiornata 26/03/2004